Come liberare spazio memoria interna e velocizzare smartphone Android


Data di Pubblicazione: dom 3 dicembre 2017|
Categoria:
Android |
Autore:
Alessandro | |
Commenti:
Nessuno »

Da quando è sceso sensibilmente il prezzo di smartphone e tablet Android si è avuta una maggiore diffusione di dispositivi touch a discapito, sempre più spesso, della qualità.

Come per i computer Windows il problema principale di chi possiede uno smartphone o tablet Android è nella lentezza, che provoca più volte un blocco, del sistema.

Questa guida affronta le problematiche più comuni fornendo consigli pratici su come velocizzare il sistema.

Attenzione! Prima di proseguire nella lettura effettuare una copia dei propri file su un supporto esterno.

Spazio dati

Smartphone e tablet Android sono forniti di slot per schede microSD, in questo modo è possibile espandere la memoria interna, sopratutto in quei casi dove sia piuttosto esigua.
Per comprendere meglio quanto sia difficile gestire la memoria in smartphone entry livel, basti considerare che la memoria interna generalmente è di 4 GB, dove più della metà dello spazio è riservato esclusivamente al sistema operativo e alle app di base. Pertanto all’utente rimangono circa 2GB, che teoricamente sembrano tanti ma si esauriscono presto con l’installazione degli aggiornamenti aggiunti alle app di Facebook, Messenger e Whatsapp e soprattutto con quest’ultimo che archivia automaticamente foto e video ricevuti dai propri contatti.
Sulla memoria esterna è possibile salvare qualsiasi tipo di dato (immagini, video, musica, documenti ecc.) ma non è consentito installare applicazioni, tranne nel caso in cui si ottengono i permessi di amministratore (root).

Disattivare aggiornamenti e app di sistema

Sembra un contraddittorio tuttavia, per le app di sistema inutilizzate come nel caso di Google Play Musica, è possibile disattivare gli aggiornamenti, evitando così che il sistema si appesantisca inutilmente, e successivamente effettuare la disattivazione.
Per disattivare gli aggiornamenti automatici aprire il Play Store – Impostazioni – Aggiornamento automatico app e spuntare l’opzione “Non aggiornare automaticamente le app”.
Per maggiore sicurezza è utile disattivare le app di sistema andando su Impostazioni – App spostarsi nel riquadro Tutte, cercare l’app di sistema, ad esempio Google Play Edicola, e fare un tocco su Disattiva. 
Qualora si desideri riattivare ripetere l’operazione appena descritta, ad eccezione dell’ultimo passaggio dove sarà necessario fare un tocco su Attiva.
Google Edicola, Google Musica, Google Film, Google Giochi e Youtube spesso vengono installate come app di sistema.

Disinstallare applicazioni

Principale causa del rallentamento di smartphone e tablet Android è dovuta all’eccessiva presenza di app.
Rimuovere tutte quelle applicazioni non utilizzate, andando su Impostazioni – App e poi scegliendo singolarmente l’applicazione da cancellare.
Non è possibile disinstallare applicazioni di sistema – salvo effettuando il root. Comunque è possibile disinstallare, eventuali, aggiornamenti effettuati automaticamente da Android. L’app di sistema non sarà comunque rimossa, venendo sostituita con la versione di fabbrica, ma si recupera spazio nella memoria interna del dispositivo.

Cancellazione dati e cache

La cancellazione dei dati e della cache aiuta a liberare memoria nel sistema. Tale operazione può essere effettuata singolarmente andando su Impostazioni – App e poi selezionando l’applicazione dalla quale cancellare i dati e/o la cahce.
La cancellazione dei dati elimina definitivamente tutti i file, le impostazioni, gli account, i database ecc.
Nel caso di app finanziare, tipo MoneyManager – se non si è effettuata una copia di backup – cancellando i dati si perderà tutto.
Cancellando i dati automaticamente si svuota la cache. Diversamente svuotando la cache non si cancellano i dati.

Ottimizzazione

Oltre a conservare i dati su memoria esterna e a disinstallare applicazioni inutilizzate è importante avere installato un ottimizzatore come Clean Master che si occupa di cancellare periodicamente la cache, chiudere le app che consumano inutilmente memoria, cercare file di grandi dimensioni nonché duplicati.

Scansione antivirus

Anche su Android è importante avere installato un antivirus. Tra i più popolari c’è CM Secutiry.

Aggiornamenti di sistema e app

Alcune app per funzionare correttamente necessitano periodicamente di essere aggiornate, un caso su tutti è Whatsapp.
Inoltre, il produttore periodicamente rende disponibili degli aggiornamenti atti a migliorare il sistema. Da notare che gli aggiornamenti di sistema in genere avvengono per smartphone e tablet di fascia medio-alta.
Per verificare la presenza di nuovi aggiornamenti Android andare su Impostazioni – Info sul dispositivo – Aggiornamenti Software – Aggiorna.

Conclusioni

Nel caso in cui nessuna delle azioni lette in questo articolo siano state utili a velocizzare il sistema si renderà necessario effettuare un restore, un ripristino alle impostazioni di fabbrica, andando su Impostazioni – Backup & Ripristino – Ripristino dati di fabbrica.
Il ripristino dati di fabbrica cancella tutte le impostazioni, le app ed elimina tutti i dati (musica, foto, video e qualsiasi altro tipo di documento conservato) sul dispositivo, compreso l’account Google e i dati delle app.
Tale operazione è irreversibile.
Eventuali file potranno essere recuperati solo nel caso in cui sia stata effettuata preventivamente una copia di backup su supporto esterno, ad esempio una scheda microSD.


Lascia una Risposta