Come liberare spazio hard disk e velocizzare Windows


Data di Pubblicazione: mer 22 novembre 2017|
Categoria:
Windows |
Autore:
Alessandro | |
Commenti:
Nessuno »

Una serie di utili consigli su come liberare spazio nel disco rigido e velocizzare Windows. Questa operazione è essenziale per computer piuttosto datati – o comunque non molto potenti – che hanno poca ram, cpu e spazio.

Attenzione! Prima di procedere è fortemente consigliato effettuare una copia di backup di tutti i vostri file e cartelle.

Spazio dati

Oramai tutti i portatili sono forniti di una partizione per un’eventuale ripristino alle impostazioni di fabbrica. La stessa partizione può essere adoperata come archivio dei propri dati. E’ preferibile usare tale partizione anziché  quella del sistema operativo affinché lo stesso Windows possa contare sul maggior spazio disponibile, utile anche per installare programmi.

Disinstallare programmi

Una tra le principali cause di rallentamento del sistema è dovuta alla presenza di troppi programmi. Andare su Pannello di controllo – Programmi – Disinstalla programmi e singolarmente rimuovere le applicazioni non necessarie. In questo elenco sono presenti anche i driver delle periferiche di sistema, ad esempio il wifi, la scheda audio o la scheda video pertanto, se non siete sicuri, effettuate preventivamente una ricerca su internet prima di procedere.
Taluni produttori, come Acer, Asus e Hp riempiono spesso l’hard disk con programmi pesanti. Basti pensare alla suite multimediale OEM Cyberlink che pesa più di mezzo giga oppure alle versioni trial (in prova) di Microsoft Office o di antivirus come Norton.

Esecuzione automatica

Nonostante la cartella di sistema “Esecuzione automatica” risulti vuota, in realtà all’avvio di Windows ci sono diverse applicazioni che si avviano in maniera del tutto automatica rallentando non solo la procedura di avvio ma anche la fase successiva. Per selezionare i processi che si devono avviare con Windows andare su Accessori – Esegui e scrivere msconfig, selezionare l’opzione “Avvio selettivo” e dalla sezione Avvio scegliere gli elementi di boot. Alcuni elementi sono indispensabili come i processi dell’antivirus.

Plugin browser

I plugin sono dei componenti aggiuntivi usati per ampliare le funzionalità del browser. Grazie ai plugin è, ad esempio, possibile leggere un file pdf senza uscire dal browser o sapere se state navigando su un sito sicuro (verificato dal plugin dell’antivirus in uso). Tuttavia l’uso eccessivo di plugin nel browser può portare a rallentamenti nella navigazione o peggio ancora a continui crash. Per tale motivo è importante disattivare, o eliminare, qualora vogliate liberare spazio, i plugin inutilizzati. La gestione dei plugin avviene tramite il menu impostazioni del browser ma può essere gestito anche da programmi terzi come CCleaner.

Punti ripristino

Questa azione è da compiere esclusivamente per pc con poco spazio nell’hard disk. Consiste nel disattivare la funzione di ripristino di sistema che Windows crea periodicamente. Si tratta di uno strumento differente dal ripristino di fabbrica in quanto si occupa di effettuare un ripristino solamente delle impostazioni e delle configurazioni del sistema.
Per disattivare andare su Computer – Proprietà del sistema – Preferenze di sistema (barra sulla sinistra) – Configurazione (pulsante) poi su Elimina e infine sulla casella vicino alla voce “Disattiva protezione di sistema”; confermare seguendo le istruzioni.
Disattivando i punti di ripristino si possono recuperare circa 3 GB.

Pulire disco

Andare su proprietà del disco rigido e fare clic sul pulsante pulizia disco, attendere i risultati e spuntare le voci che desiderate rimuovere.
E’ possibile fare una pulizia disco più approfondita usando CCleaner.

Pulire registro di sistema

E’ in assoluto una delle operazioni più delicate da compiere. Per questo motivo è fortemente consigliato l’uso di un programma specifico come CCleaner.

Controllare disco rigido

Dopo un black out o un reset è sempre utile fare il check disk, lo strumento di diagnostica di Windows che controlla se sono presenti errori nel disco rigido.

Deframmentazione file

La deframmentazione file è un’altra delle operazioni che consentono di velocizzare il sistema. Consiste in una migliore indicizzazione del sistema.

Scansione antivirus

Spesso, unitamente alla esagerata presenza di software, trojan horse, spyware, adware ed altri malware sono la causa di un sistema lento. Effettuate una scansione approfondita del sistema.

Aggiornamenti di sistema, software e driver

Se il rallentamento o il crash costante è dovuto a uno specifico software o all’uso di una periferica è consigliabile aggiornare all’ultima versione disponibile. Fondamentale risulta eseguire tutti gli aggiornamenti importanti di Windows Update e verificare che l’antivirus sia sempre aggiornato.

Conclusioni

Se nessuna delle operazioni descritte in questa guida ha condotto ha una migliore esperienza sarà necessario effettuare un ripristino alle impostazioni di fabbrica del sistema.


Lascia una Risposta