Attivare doppia autenticazione su Amazon

Anche su Amazon il popolare e-commerce mondiale è possibile attivare un livello 2 di protezione, ovvero quel livello in cui oltre a nome utente e password, per accedere, è necessario l’inserimento anche di un codice usa e getta inviato via sms oppure tramite app.

Attivare verifica in due fasi

Per attivare la doppia autenticazione accedere al proprio account Amazon poi andare su Il mio account – Accesso e impostazioni di sicurezza.

Fare clic su Modifica nel riquadro “Impostazioni avanzate di sicurezza” e successivamente su “Primi passi”. Poi scegliere come ricevere il codice: via sms, chiamata vocale oppure tramite app (in quest’ultimo caso dovrete avere una connessione dati attiva).

Verificato il numero di cellulare, verrà chiesto, di aggiungere un secondo metodo di backup, un altro numero di cellulare oppure l’app.

Infine fare clic su “Ricevuto. Attiva la verifica in due fasi”.

Da notare che su alcuni dispositivi l’inserimento del codice usa e getta andrà aggiunto alla password, qualora non ci fosse la schermata di inserimento codice.

E’ possibile, spuntando la rispettiva casella, evitare di richiedere codici per browser che si usano periodicamente.

3 livelli di protezione

I livelli di protezione per un account sono tre:

  • Livello 1: accesso con nome utente e password. 
    E’ il metodo più usato in assoluto per accedere a un’area riservata. 
  • Livello 2: accesso con nome utente, password e codice univoco usa e getta inviato via sms/app, oppure codice scelto dall’utente (password aggiuntiva) da autorizzare tramite app.
    Questo secondo metodo è sempre più usato, oltre all’identità digitale dello SPID (doppia autenticazione obbligatoria), ecco alcuni dei principali servizi online che usano la doppia autenticazione come opzione facoltativa: PayPal, Amazon, Hotmail, Google, Facebook, Twitter, Dropbox e Yahoo.
  • Livello 3: accesso con nome utente, password e codice univoco generato da un dispositivo fisico come un token.
    Ad esempio il dispositivo per la firma digitale oppure il token che alcune banche forniscono ai propri clienti.
loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *