Come creare un micropc con Ubuntu e Raspberry PI 3

Raspberry PI 3 è la piccolissima scheda elettronica che in se riunisce tutti i componenti hardware che consentono ad un computer di funzionare.

In una scheda che rientra nel palmo di una mano sono stati integrati:

  • Processore
  • Memoria RAM
  • Scheda video
  • Scheda audio
  • Scheda di rete (LAN)
  • Scheda di rete senza fili (WI-FI)
  • Connettività Bluetooh

Il dispositivo non ha memoria interna, usa una scheda esterna microSD. Si consiglia di usare una microSD da 32 GB e classe di velocità 10.

Interfaccia Raspberry PI 3

L’interfaccia presenta le seguenti porte:

  • HDMI da collegare ad un tv o monitor in alta definizione
  • Audio
  • LAN da collegare via cavo Ethernet al rispettivo ingresso del router
  • USB 2.0 (4 porte)
  • Slot per microSD

Accessori indispensabili

Gli accessori essenziali per far funzionare il Raspberry PI 3 sono:

  • Tv o monitor HD
  • Cavo HDMI
  • Modem/Router Wifi
  • Cavo Ethernet (eventuale)
  • Tastiera USB
  • Mouse USB
  • Tastiera e Mouse USB Wireless
  • Alimentatore da corrente di 5 V e 2 A
  • Case
  • Dissipatori (consigliati)

Il sistema operativo

Su Raspberry PI 3 è possibile installare diversi sistemi operativi.

Gli usi più comuni sono:

  • Desktop (Raspbian o Ubuntu Mate)
  • Server (Ubuntu)
  • Media center (OSMC)
  • Console videogiochi (Recallbox o Retropie)

In questa guida ci occupiamo come installare Ubuntu Mate su Raspberry PI 3.

Installazione da PC

L’installazione si componendi due fasi. Nella prima è necessario disporre di un computer nel quale formattare la scheda microSD tramite il programma SD Formatter.

Scaricare e al termine estrarre il contenuto dell’immagine disco scaricabile dal sito di Ubuntu Mate.

Per scrivere l’immagine disco usare Win 32 Disk Imager.

Al termine estrarre la scheda microSD.

Configurazione su Raspberry

La seconda fase consiste nella finalizzazione del dispositivo, effettuandone la configurazione. Collegare il Raspbery PI 3 al tv, tramite cavo HDMI, e poi da schermo selezionare il rispettivo ingresso; inserire la scheda microSD; la tastiera e il mouse USB e infine l’alimentatore.

Pochi secondi dopo seguire le poche semplici istruzioni a schermo per finalizzare l’installazione.

Ubuntu Mate, il sistema operativo

Sono davvero tante le applicazioni presenti su Ubuntu Mate, quasi identico alla versione di Ubuntu Desktop.

Esse sono suddivise nei tre menù: Applicazioni, Risorse e Sistema.

In Applicazioni ci sono:

  • Accessori
  • Accesso universale
  • Audio e video (un completo lettore multimediale come VLC e perfino un app per masterizzare)
  • Giochi
  • Grafica
  • Internet (tra i programmi: il browser Firefox, il client email Tunderbird e il Torrent di Trasmission)
  • Istruzione
  • Programmazione
  • Strumenti di sistema
  • Ufficio (con la suite di LibreOffice)

Mentre in Risorse, l’equivalente di un esplora risorse di Windows, si trovano:

  • Cartella Home
  • Scrivania
  • Computer
  • Network
  • Connetti al server …
  • Strumento di ricerca di MATE
  • Documenti recenti

Per gestire il dispositivo c’è l’ampia sezione Sistema:

  • Amministrazione
  • Preferenze
  • Benvenuto
  • Centro di controllo
  • Help
  • Informazioni su MATE
  • Blocca schermo
  • Termina sessione di …
  • Arresta …

Importante: poiché il Raspberry PI 3 non ha alcun pulsante di alimentazione e bisogna letteralmente togliere la spina dalla presa, prima di farlo eseguire l’azione di spegnimento del sistema operativo, andando su Sistema – Arresta, questo per evitare danni alla scheda di memoria esterna microSD.

Conclusioni: Ubuntu Mate vs Raspbian

Dai nostri test è risultato molto più fluido il sistema ufficiale Raspbian anziché il sistema operativo di terze parti derivato da Ubuntu. Raspabian è molto più leggero con molto meno app (c’è da chiedersi che senso possa avere un app come Brasero utile per la masterizzazione in un micropc come Raspberry?!). Basta vedere anche la fluidità del browser Chronium contro quello di Firefox.

 

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *