Formattare pen drive su Windows 10

Per formattare la pen drive su Windows 10 *, l’ultimo sistema di Microsoft, inserire l’unità in una porta usb libera del computer (ricordandovi che l’etichetta col simbolo usb o comunque riportante il brand dev’essere sempre rivolto verso l’alto); poi, fare clic su “Questo pc” e selezionare l’unità mobile con un ulteriore clic sinistro.

A questo punto è possibile accedere alla voce “Formatta” in due modi. Facendo clic, in alto, sulla barra del titolo, alla voce “Strumenti dischi” e poi su “Formatta”. Oppure, aprendo il menù contestuale dell’unità – facendo clic destro sulla stessa – e poi scegliendo la voce “Formatta”.

Nella finestra di dialogo selezionare come File system il FAT32 **, mentre come dimensioni unità di allocazione scegliere quelle predefinite, scrivere un etichetta di volume (max. 11 caratteri) e despuntare la voce “Formattazione veloce” *** per eseguire una inizializzazione completa del device, ciò comporterà una durata di esecuzione superiore, di diverse decine di minuti.

Fare clic, prima, sul pulsante “Avvia” per formattare completamente la pen drive, e poi, su ok nella finestra di avviso.

In questo modo tutti i dati contenuti, file, cartelle e archivi (ovvero cartelle compresse) verranno cancellati definitivamente e non sarà più possibile recuperarli.

Note finali:

* Windows 10: Le istruzioni descritte in questa breve guida, con qualche breve modifica (ad esempio “Questo PC” su Windows 7 si chiama “Computer”) è valida anche per tutte le altre versioni di Windows, da XP in poi.

*FAT32: E’ preferibile scegliere come file system, il FAT32 poiché si tratta di una struttura universale riconosciuta anche da dispositivi diversi dai computer, come smartphone, tablet, router con porta usb, televisori di ultima generazione, lettori dvd, hi-fi e qualsiasi device dotato di porta usb (usata esclusivamente per riproduzioni multimediali quali foto, video e/o musica).

*** Formattazione veloce: Usando l’iniziazione veloce anziché quella completa potrebbe, comunque, essere possibile recuperare – almeno parzialmente – i dati erroneamente cancellati, tramite programmi specifici, ad esempio con Recuva.

Altre operazioni: Backup e Scandisk

Oltre all’inizializzazione e al backup su un’altra unità esterna o su un computer se si riscontrano degli errori è consigliabile eseguire lo Scandisk. Per farlo, andare su “Questo pc”, poi clic destro sul dispositivo, scegliere la voce “Proprietà”, clic sulla linguetta “Strumenti” e infine su “Scandisk”.
Differentemente dagli hard disk sulle pen drive non è possibile eseguire la deframmentazione.

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *