Glossario Hosting, tutto (o quasi) quello che c’è da sapere

Backup

Operazione di salvataggio di file, email e soprattutto database del proprio servizio di hosting. Tale operazione può essere fornita opzionalmente dal provider o effettuata manualmente e periodicamente in piena autonomia dall’utente.

CMS

E’ un software installato su un server che consente la gestione di siti dinamici senza avere competenze tecniche specifiche nella programmazione web. I cms più usati sono: WordPress (blog), Zencart (e-commerce) e Php-BB (forum).
Il cms può essere installato manualmente oppure (quasi) automaticamente usando il “Sitebuilder”, eventualmente offerto dal provider.

Dominio

Un nome a dominio è una stringa di caratteri associata a un’estensione. Insomma un indirizzo univoco col quale richiamare un sito. Il dominio può essere di secondo o terzo livello, in quest’ultimo caso si parla di sottodominio. La struttura di un dominio di secondo livello è la seguente: www.nomedominio.est; mentre di terzo livello è: www.sottodominio.nomedominio.est. Le estensioni sono nazionali (it per Italia, fr per Francia, es per Spagna), geografici (abruzzo.it; milano.it ecc), internazionali (.com per commerciale; .net per rete; .org per organizzazioni; biz per business; .info per informazioni), riservate (.gov per siti govervativi) alle quali si sono aggiunte le nuove estensioni senza più il limite di tre o quattro caratteri.
Acquistato il dominio, esso va rinnovato con cadenza annuale o plurima.

Database

Il database serve ad immagazzinare contenuti di un sito quando si usano linguaggi di programmazione in pagine dinamiche. Su piattaforma Linux si usa Mysql e la sua variante grafica Phpmyadmin col supporto del linguaggio e delle librerie PHP e di un server chiamato Apache; mentre su Windows si utilizza Access in associazione, generalmente, al linguaggio Asp.

Datacenter

Nella fase di configurazione del server virtuale o dedicato, oltre al sistema operativo, viene consentito all’utente di scegliere il dataserver. Si tratta di strutture dove vengono ospitati i server del provider. E’ consigliabile selezionare dataserver più vicini a dove si vive.

DNS

La gestione dei dns, spesso rappresenta una delle opzioni fornite col pacchetto base. La sua gestione può essere limitata ad alcuni record o completa, in quest’ultimo caso sarà possibile modificare anche i name server (ns) e così gestire direttamente dall’altro server il dominio acquistato. I record più importanti sono: A per reindirizzare verso un server esterno, basterà indicare l’indirizzo ip; CNAME per creare degli alias, tipo sottodomini; MX, per la gestione delle email.

Downtime

E’ la percentuale di tempo in cui il server che ospita l’hosting del cliente risulta non raggiungibile. Rappresenta il contrario di uptime.

Email

Ad un server può essere associato uno o più account di posta elettronica. O anche creare degli alias. Gli alias non sono altro che dei reindirizzaementi dall’email associata al dominio a un altro indirizzo interno dello stesso o spesso a una email esterna. I server che ospitano la posta in ingresso e in uscita includono un servizio antivirus e antispam.
Alcuni fornitori supportano anche il moderno server IMAP che consente una sincronizzazione perfetta con i vari dispositivi.

FTP

FTP è un protocollo per la trasmissione dei dati. Una volta creato un account e installato un client FTP è possibile: inviare, aggiornare, rimuovere, modificare i permessi o scaricare i file e le cartelle del proprio server. La gestione può avvenire anche da browser tramite il file manager.

Hosting

Il termine deriva dal verbo inglese to host che significa ospitare. E di fatto i servizi di hosting ospitano, tramite i loro server, siti e cloud dei clienti.
Le aziende che forniscono questo servizio prendono il nome di provider e offrono hosting basati sul sistema operativo Linux, spesso nella distribuzione Centos o Debian, oppure su sistema Windows.
Esistono anche servizi online di hosting gratuito.
In altre parole con hosting si intende il pacchetto offerto dal provider.
Il tipico pacchetto di hosting entry-livel (a pagamento) non include spazio web ma solo la gestione dei DNS o il redirect.
Mentre il piano di hosting base (gratuito) con spazio web può includere: spazio web, ftp, file manager, pannello di controllo, gestione dns, email, supporto php e database.

Immagine Disco

Nel caso di server vps o dedicato, oltre al backup, risulta di fondamentale importanza effettuare un immagine disco, ovvero una copia funzionante del server che può essere ripristinata in ogni momento.

Linguaggi

Ogni servizio di hosting base, con spazio web, supporta il linguaggio html, javascript, Applet Java e i fogli di stile (css). Se si vuole creare un sito dinamico è fondamentale l’uso del linguaggio php (asp per Windows) nonché verificare la versione supportata.

Pannello di controllo

E’ una suite di software online che consentono di effettuare varie operazioni sul server. I pannelli di controllo possono essere con o senza licenza. Cpanel e Plesk sono i pannelli di controllo generalmente forniti con un pacchetto hosting. Piuttosto simili, consentono – in base anche alle condizioni sottoscritte col provider – la configurazione e gestione di: ftp, file, email, alias, database, php, sottodomini ecc.

Parking

Parcheggiando un dominio si ha la possibilità di riservarsi un dominio e/o più estensioni dello stesso. Il dominio parcheggiato viene usato per visualizzare annunci pubblicitari o una pagina di cortesia.

Redirect

Il redirect non è altro che un servizio di reindirizzamento verso un altro indirizzo web, spesso gratuito. In genere rappresenta l’offerta base del provider. Esso può essere associato anche al servizio di redirect email, ovvero alla creazione di alias da reindirizzare verso un indirizzo email di proprietà esterno.

Server

Il server è il computer che ospita l’hosting riservato al cliente. Tale macchina può essere fornita, in base al pacchetto scelto, in una delle seguenti modalità: condiviso, virtuale (o vps) e dedicato.
Il server condiviso fa parte di tutti i pacchetti base di hosting. Come si deduce dal nome stesso, l’hosting condivide le risorse della macchina con i piani degli altri clienti. Ciò può portare a rallentamenti o in taluni casi persino a dei downtime.
Il server virtuale o vps, invece, consente ad ogni cliente di avere garanzie sulle risorse scelte, che oltre allo spazio , includono una propria Ram, CPU e sistema operativo.
Seppur rappresentano un’ottima scelta allo sharing hosting, il VPS, quasi sempre viene fornito unmanaged, significa senza gestione tecnica; pertanto in caso di problemi, come attacchi dos, sarà competenza dell’utente doverli risolvere.
Il server dedicato è il pacchetto più costoso di ogni hosting perché permette di avere una macchina reale dedicata al cliente e non virtuale come succede nel caso del VPS. Viene adottato da siti ad alto traffico.
Ai server finora visti, recentemente si è aggiunto il server cloud, una particolare macchina da usare esclusivamente come archiviazione dati.

SSH

Nella gestione di server virtuali e dedicati è un protocollo che consente di interagire con la macchina tramite riga di comando.

SSL

Certificato di sicurezza, acquistabile come opzione. E’ fondamentale per garantire sicura una connessione criptandone i dati. Quando si usa un certificato SSL, il protocollo usato non è più l’http bensì l’https.

Spazio Disco

La dimensione massima, espressa in GB, che l’utente può utilizzare per la gestione di file – e se previsti – di email e database.

Statistiche

Il sevizio di statistica come il backup può essere fornito dal provider o installabile autonomamente da parte dell’utente. Le statistiche sono fondamentali per conoscere il traffico generato dal proprio sito, nonché la provenienza.

Ticket

In ambito di hosting l’assistenza viene fornita tramite ticket (trad. biglietto). L’utente che rileva dei problemi tecnici o amministrativi basterà – dopo essere entrato nella propria area riservata – aprire un ticket, inserendo un oggetto seguito dal nome dominio, includere una dettagliata descrizione del problema ed eventualmente allegare un file, tipo uno screenshot.

Traffico

Il traffico è dato dalla grandezza di tutte le pagine visitate dagli utenti sull’hosting del cliente. Esso include anche la grandezza dei file caricati/scaricati tramite FTP. Conosciuto anche col nome di banda, sempre più spesso viene fornito illimitato.

Uptime

E’ la percentuale di tempo in cui il server che ospita l’hosting del cliente risulta raggiungibile.

Whois

E’ un protocollo di rete, che tramite query da parte del client consente di avere informazione sulla registrazione del nome dominio, in particolare sui dati del registrante, del provider nonché a dati tecnici, come l’indirizzo ip del server e i name server.
Per i domini italiani è possibile visualizzare solo il nome e il cognome dell’intestatario, per i domini .eu solo l’indirizzo email mentre per i domini internazionali vengono resi pubblici tutti i dati del registrante. In quest’ultimo caso per oscurare tali dati sensibili è necessario acquistare un servizio opzionale generalmente indicato come Whois Privacy.

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *