Segreteria telefonica centralizzata

Dopo il segnale acustico registri il suo messagio. Bip.

Brevettata nel 1965 da Arnaldo Piovesan, la segreteria telefonica, per decenni, è stato quel piccolo dispositivo da collegare al telefono che consentiva di registrare, su nastri magnetici, dei brevi messaggi audio in nostra assenza.
Questo è il funzionamento della segreteria telefonica domestica, oramai progressivamente sostituita dalle segreterie telefoniche centralizzate. Un servizio offerto da quasi tutti gli operatori di telefonia fissa e mobile che permette di avere il servizio senza dover acquistare, collegare e far consumare energia ad un dispositivo esterno.

Segreteria centralizzata

La segreteria telefonica può essere attivata/disattivata, quando:

  • cellulare spento;
  • cellulare non raggiungibile;
  • numero occupato;
  • quando non si vuole/può rispondere.

Qualora, qualcuno lasci un messaggio, questo viene notificato al cliente tramite un sms, con il numero della segreteria da chiamare per ascoltarlo.

In genere è di 2 minuti il tempo massimo per registrare un messaggio.

L’attivazione e la relativa disattivazione può avvenire inviando un codice oppure dalla sezione trasferimento di chiamata del proprio cellulare.

Il servizio è gratuito (come il transferimento di chiamata alla segreteria), viene tariffata solo la chiamata diretta alla segreteria per ascoltare i messaggi personali, secondo il proprio piano.

Esempio, su Vodafone:

quando il telefono è spento/non raggiungibile
– Attivazione: **62*+39 prefisso 34X seguito da 20 e numero del cellulare# Invio
– Disattivazione:   ##62# Invio

Maggiori info sul sito Vodafone.

Mentre si chiama “Memotel” il servizio di segreteria telefonica centralizzata fornita dall’operatore di telefonia fissa, Telecom Italia.

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *