Excel (L40): Calcolare IMU

IMU acronimo di imposta municipale propria viene pagata da tutti i proprietari di fabbricati ad eccezione per la casa di abitazione e delle categorie catastali A1, A8 e A9; nonché è dovuta per il possesso di terreni agricoli.

Formule per calcolare l’IMU

Per calcolare l’IMU con Excel è necessario conoscere la rendita catastale ricavabile gratuitamente dalla visura scaricabile dal proprietario accedendo alla propria area riservata sul sito dell’Agenzia delle Entrate (a tal proposito può risultare utile leggere l’articolo: Visura per immobile, storica, per soggetto e planimetrica gratis su AE); nonché sapere il coefficiente applicato.
Una volta ottenuti questi dati è necessario eseguire una serie di operazioni:

Impostando Excel è possibile calcolare l’IMU in pochi minuti.
  • La rendita catastale va rivalutata del 5%.
  • Il nuovo valore va moltiplicato per il coefficiente della rispettiva classe catastale.
  • All’imponibile si applica l’aliquota comunale.

Pertanto su Excel è necessario creare 6 voci ed affiancarli a un valore o a una formula, nello specifico:

  • Rendita catastale e nella cella successiva inserire il valore tratto dal Catasto.
  • 5% e nella cella che segue scrivere la formula per incrementare la rendita del 5%: =B2*5/100 (nota: sostituire eventualmente B2 con la cella dov’è presente il valore della rendita catastale originario).
  • Rendita rivalutata e nella cella alla sua destra fare la somma tra la rendita catastale originale e l’importo d’incremento del 5%.
  • Coefficiente e nella cella che la segue indicare il valore numerico del rispettivo coefficiente.
  • Imponibile, qui bisogna fare il prodotto tra il valore della rendita rivalutata e il coefficiente.
  • Aliquota, inserire il valore imposto dal comune dove si trova il fabbricato o terreno.
  • Importo Totale, la formula finale per calcolare l’IMU è =(B6/1000*10,6). In questo esempio il valore dell’imponibile si trova nella cella B6 eventualmente modificarla, inserendo il corretto valore di cella dove si trova l’imponibile; inoltre l’aliquota comunale presa ad esempio corrisponde al 10,6% anche in questo all’occorenza sostituire tale valore con quello imposto dal comune di appartenenza.
  • Importo 50%, utile divisione dell’importo totale ottenuto precedente nel caso in cui l’IMU sia divisa in due rate o da dividere tra due intestatari.

Scegliere il coefficiente da una lista

Anziché inserire il valore del coefficiente manualmente è possibile sceglierlo da una lista di voci.

Per fare ciò creare un nuovo foglio e rinominarlo come “Coefficiente”, poi fare copia-incolla dei seguenti valori:

DescrizioneCoefficienteNote
Abitazioni, box, magazzini e tettoie160Tutti i fabbricati del gruppo catastale A (esclusa A/10) e delle categorie C/2, C/6 e C/7.
Banche e assicurazioni80Fabbricati catastati come A/10 e D/5.
Immobili produttivi60Tutti i fabbricati del gruppo catastale D (esclusa D/5).
Negozi e botteghe55Tutti i fabbricati nella categoria C/1.
Scuole, uffici pubblici, caserme, laboratori artigiani, palestre e stabilimenti balneari140Tutti i fabbricati del gruppo catastale B e delle categorie C/3, C/4 e C/5.
Terreni agricoli130
Terreni di coltivatori diretti e imprenditori professionali iscritti nella previdenza agricola110

Poi andare su Dati – Convalida Dati, si aprirà una finestra di dialogo, qui scegliere Elenco corrispondente alla voce Consenti e nel campo Origine indicare la lista inerente le varie descrizioni mentre nella cella successiva indicare la seguente formula:

=SE(B5<>””;CERCA.VERT(B5;Coefficienti!A2:B8;2;FALSO);””)

Dove B5 corrisponde alla lista delle descrizioni del coefficiente.

Scarica File Calcolo IMU

Qui puoi scaricare gratuitamente il file di Excel per calcolare l’IMU.

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *